Federico García Lorca – Questo è il prologo

Federico García Lorca
Sobre un libro de versos
Questo è il prologo
19 agosto 1918. Asquerosa

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Manuel de Falla
Obras para piano – Nocturno
Benita Meshulam, piano
…………………………………………………………………

Vorrei lasciare in questo libro
tutto il mio cuore.
Questo libro che ha visto
con me i paesaggi
e vissuto ore sante.

Che pena quei libri
che ci riempiono le mani
di rose e di stelle
e lentamente passano!
Che tristezza profonda
lasciare i pannelli
di pene e dolori
che un cuore porta!

Veder passare gli spettri
di vite, che si cancellano,
vedere l’uomo nudo
in Pegasi senz’ali,
veder la vita e la morte,
la sintesi del mondo
che in spazi profondi
si guardano e ci abbracciano.

Un libro di poesie
è un autunno morto:
i versi son le foglie
nere sulla bianca terra,
e la voce che li legge
è il soffio del vento
che li affonda nei cuori
– intime distanze -.

Il poeta è un albero
con frutti di tristezza
e con foglie secche
per pianger ciò che ama.
Il poeta è il medium
della Natura
che spiega la sua grandezza
con delle parole.

Il poeta capisce
tutto l’incomprensibile,
e chiama amiche
cose che si odiano.
Sa che i sentieri
sono tutti impossibili
e per questo la notte
li percorre con calma.

Nei libri di versi,
fra rose di sangue,
passano le tristi
e eterne carovane
che lasciano il poeta,
quando piange la sera,
circondato e stretto
dai suoi fantasmi.

Poesia è amarezza
celeste miele che sgorga
da un invisibile favo
che fabbricano i cuori.
Poesia è l’impossibile
fatto possibile.
Arpa
che invece di corde
ha cuori e fiamme.

Poesia è la vita
che attraversiamo in ansia
aspettando colui che porta
la nostra barca senza rotta.

Dolci libri di versi
sono gli astri che passano
nel muto silenzio
verso il regno del Nulla,
scrivendo nel cielo
strofe d’argento.

Oh! che pene profonde
e mai riparate,
le voci dolenti
che cantano i poeti!

Come nell’orizzonte
lascio riposare i miei sguardi, [*]
vorrei in questo libro
lasciar tutto il mio cuore.

7 agosto 1918 – Traduzione di Carlo Bo

[*]Questo verso è stato da me tradotto dall’originale e aggiunto,
in quanto mancante nella traduzione di C.Bo.

5 pensieri su “Federico García Lorca – Questo è il prologo

  1. Che meraviglia Luigi!!! Ha saputo raccontare tutto del ”poeta”. Parole che non possono lasciare indifferenti anche coloro che poeti non sono ma che hanno almeno un minimo di sensibilità. A te un grazie gigante per la ” tua di sensibilità” nel proporci con la tua voce pezzi sempre straordinari correlati da un sottofondo musicale sempre impeccabile. Isabella

    Piace a 1 persona

      • Un bel po’ lontanuccio, non c’è che dire. Posso chiederti una cosa ? Non hai paura di terremoti improvvisi e violenti come quello del 1960? Ho visto su Wikipedia che è stato il più grande terremoto della terra. Io mi sposterei un pochino da una zona così a rischio. Ma è pur vero che la vita è talmente imprevedibile che anche qui un terremoto, potrebbe improvvisamente seppellirci. Un caro abbraccio Luigi. Isabella

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...