Arseny Alexandrovich Tarkovsky – Da così tanto tempo sono nato

Arseny Alexandrovich Tarkovsky
Da così tanto tempo sono nato
Traduzione di Paola Pedicone
da “Arseny Tarkovsky, Poesie e racconti“,
Pescara: Tracce, 1991

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Natasha Vlassenko
plays Rachmaninov Romance in f minor Op. 10 No 6

**********************************

Da così tanto tempo sono nato
che sento certe volte
trascorrere su di me l’acqua gelata.
Giaccio sul fondo del fiume
e se canto una canzone
inizio dall’erba, attingo dalla sabbia,
non schiudo le labbra.

Da così tanto tempo sono nato
che non posso parlare,
ho sognato una città
su una riva pietrosa.
Giaccio sul fondo del fiume
e dall’acqua vedo
la luce lontana, l’alta dimora,
il verde raggio di stella.

Da così tanto son nato,
che se tu verrai
e la mano mi porrai sugli occhi,
sarà una bugia,
non ti potrò trattenere.
E se tu andrai via
e io non ti seguirò come un cieco
sarà una bugia.

8 pensieri su “Arseny Alexandrovich Tarkovsky – Da così tanto tempo sono nato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...