Anna Leone – VECCHIEZZA

Anna Leone – VECCHIEZZA ©

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Bach-Busoni Adagio from BWV 564
James Rhodes, piano

Salvador Dalí
The Three Ages

**************************

Anna Leone – VECCHIEZZA ©

Nel computo dei giorni
riecheggia
il tempo andato.

A volerlo raccontare,
trattenere nelle parole
è l’escamotage
per ricucire gli strappi,
per imbastire i giorni
dimenticati e persi.

Sull’abaco del tempo
le tante sottrazioni
e le addizioni minime
nel fiato corto
della vecchiezza.

Se ricordare è l’istinto
vivere è l’usura
e una pena lunga
per l’affanno degli anni.

Con l’amen
del giorno dopo giorno,
sempre più disancorati
verso un altrove.

Ma qui, prima,
a misura d’uomo
ad immaginarsi
il marmo.

Si vive, tutti, col tempo
che brucia lento
dentro gli occhi.

Poi, tutto il respiro della vita
in un istante,
mentre fugge nel vapore di un alito
e resta muto.

Un pensiero su “Anna Leone – VECCHIEZZA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...