José Saramago, da: “Le intermittenze della morte”

da:
José Saramago
Le intermittenze della morte (pag.119)
Traduzione di Rita Desti
Universale Economica Feltrinelli

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Fryderyk Chopin, Studio op. 25 n. 9
Jan Lisiecki, piano

***************************

[…] quello che impressionava la morte era il fatto che le era parso di sentire in quei cinquantotto secondi di musica una trasposizione ritmica e melodica di ogni e qualsivoglia vita umana, normale o straordinaria, per la sua tragica brevità, per la sua intensità disperata, e anche per via di quell’accordo finale che era come un punto di sospensione lasciato nell’aria, nel vago, da qualche parte, come se, irrimediabilmente, fosse rimasto ancora qualcosa da dire. […]

13 pensieri su “José Saramago, da: “Le intermittenze della morte”

  1. sei straordinario Luigi, appena ho letto e ascoltato questo passo di Saramago ho avuto la quasi certezza che potesse essere il tuo commento alla mia poesia due rose bianche e un lampo di sole, cui peraltro ho inibito i commenti…così l’ho avvertito, così me lo tengo stretto…grazie, un bacio!
    Daniela

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...