Luigi Maria Corsanico interpreta: «Io vulesse truvà pace»

«Io vulesse truvà pace»
di Eduardo De Filippo

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Erik Satie, Gymnopedie N. 1 per due chitarre
Boris Bagger
Roman Hernitscheck


«Io vulesse truvà pace»
di Eduardo De Filippo

Io vulesse truvà pace;
ma na pace senza morte.
Una, mmiez’a tanta porte,
s’arapesse pè campà!

S’arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera,
e arrivasse fin’ ‘a sera
senza dì: « nzerràte llà »

Senza sentere cchiù ‘a ggente
ca te dice: « io faccio…, io dico »,
senza sentere l’amico
ca te vene a cunziglià.

Senza senter’ ‘a famiglia
ca te dice:« Ma ch’ ‘e fatto? »
Senza scennere cchiù a patto
c’ ‘a cuscienza e ‘a dignità.

Senza leggere ‘o giurnale…
‘a nutizia impressionante,
ch’è nu guaio pè tutte quante
e nun tiene che ce fà.

Senza sentere ‘o duttore
ca te spiega a malatia…
‘a ricett’ in farmacia…
l’onorario ch’ ‘e ‘a pavà.

Senza sentere stu core
ca te parla ‘e Cuncettina,
Rita, Brigida, Nannina…
Chesta sì… Chell’ata no.

Pecchè, insomma, si vuò pace
e nun sentere cchiù niente,
‘e ‘a sperà ca sulamente
ven’ ‘a morte a te piglià?

Io vulesse truvà pace
ma na pace senza morte.
Una, mmiez’a tanta porte,
s’arapesse pè campà!

S’arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera…
e arrivasse fin’ ‘a sera
senza dì: « nzerràte llà »

15 pensieri su “Luigi Maria Corsanico interpreta: «Io vulesse truvà pace»

  1. la grandezza dei De Filippo è pari a quella di Totò, anime semplici e profondamente autentiche, esploratori e cantori di emozioni comuni, per questo amati da tutti, indistintamente, da ogni età e appartenenza. La pace, quella che tutti cerchiamo con lo stesso affanno con cui divoriamo le nostre giornate indaffarate, è quasi inarrivabile, una meta effettivamente pregustata solo con la morte che a tutti concede quella “benedetta tregua” che rimane in vita solo un grande immenso desiderio. Mi complimento Luigi per la tua sempre impeccabile scelta e interpretazione. Un grande abbraccio! ❤

    Piace a 1 persona

  2. L’ha ribloggato su Il Canto delle Musee ha commentato:
    la grandezza dei De Filippo è pari a quella di Totò, anime semplici e profondamente autentiche, esploratori e cantori di emozioni comuni, per questo amati da tutti, indistintamente, da ogni età e appartenenza. La pace, quella che tutti cerchiamo con lo stesso affanno con cui divoriamo le nostre giornate indaffarate, è quasi inarrivabile, una meta effettivamente pregustata solo con la morte che a tutti concede quella “benedetta tregua” che rimane in vita solo un grande immenso desiderio. Mi complimento Luigi per la tua sempre impeccabile scelta e interpretazione. Un grande abbraccio! ❤

    Piace a 1 persona

    • Grazie Gabriella! Io sono nato a Messina, da madre siciliana e padre milanese doc (la famiglia paterna abitava al quartiere Rebecchino in piazza del Duomo, fino al 1871, prima della demolizione). Ho sempre amato i dialetti, in particolare quello napoletano e, ovviamente, il siciliano, che io considero lingue vere e proprie, oltre al milanese, essendo cresciuto fin dai cinque anni a Milano, dove negli anni ’50/60 era normale sentire il meneghino nei negozi e nelle famiglie. Il teatro di Eduardo poi, lo so quasi a memoria, avendo anche letto i drammi e le commedie, non solo goduti attraverso la televisione, che (per fortuna e anche per l’intelligenza di una dirigenza che oggi non c’è più), nel ’62 e nel ’78 registrò molte sue celeberrime commedie.
      Ecco, mi sono dilungato un po’…. E sono d’accordo con la tua osservazione. Serena notte!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...